INCENTIVI ALL’ASSUNZIONE

Gli Incentivi all’Assunzione sono dei benefici normativi o economici, che vengono riconosciuti ai datori di lavoro che decidono di assumere soggetti che fanno parte di determinate categorie sociali e lavorative.

Dunque chi assume questi soggetti usufruendo delle agevolazioni previste ha diritto ad una riduzione, parziale o totale, per un determinato periodo di tempo, dei costi del lavoro.

Gli incentivi possono riguardare le assunzioni effettuate con contratti di lavoro a tempo determinato o indeterminato, e apprendistato.

A CHI SPETTANO?

Le agevolazioni per le assunzioni sono rivolte a diverse categorie di soggetti, generalmente lavoratori svantaggiati, disoccupati e inoccupati, che possono comprendere donne, over 50, giovani e disabili. Alcuni benefici sono previsti anche per i percettori di ammortizzatori sociali e per i lavoratori che usufruiscono della Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (CIGS), ovvero l’indennità, erogata dall’INPS, che ha la funzione di sostituire e / o integrare la retribuzione dei lavoratori sospesi o a orario ridotto di aziende che devono affrontare situazioni di crisi e riorganizzazione, o che hanno stipulato contratti di solidarietà.

CHI SONO I SOGGETTI SVANTAGGIATI?

Il DECRETO (Pdf 1,44Mb) del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del 17 ottobre 2017 individua le seguenti categorie di lavoratori in condizione di svantaggio, che possono accedere a specifiche agevolazioni:

Lavoratori Svantaggiati

Rientrano in questa categoria i lavoratori che:

  • non hanno un impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi.
  • hanno un’età compresa tra i 15 e i 24 anni o superiore a 50 anni;
  • non possiedono un diploma di scuola media superiore o professionale;
  • sono adulti (età minima di 25 anni) che vivono soli con una o più persone a carico;
  • fanno parte di una minoranza etnica di uno Stato dell’Unione Europea e hanno bisogno di migliorare la propria formazione linguistica e professionale o la propria esperienza lavorativa per aumentare le possibilità di trovare un lavoro stabile.

Lavoratori molto Svantaggiati

Fanno parte di questa categoria i soggetti che si trovano in una delle seguenti situazioni:

  • non hanno un lavoro retribuito regolarmente da almeno 2 anni (24 mesi);
  • sono privi di un impiego regolarmente retribuito da minimo 12 mesi e presentano uno dei seguenti requisiti: età compresa tra 15 e 24 anni, o superiore a 50 anni; assenza di diploma di scuola media superiore o professionale; età non inferiore a 25 anni, con una o più persone a carico;
  • lavorare in professioni o settori in cui la disparità uomo – donna è superiore almeno al 25% della disparità media tra uomini e donne negli altri settori economici, e appartenere al genere sottorappresentato;
  • appartenenza a minoranze etiche di Paesi membri dell’UE e necessità di migliorare la propria formazione linguistica e professionale o la propria esperienza professionale per incrementare le possibilità di accedere ad un impiego stabile.
La Legge di Bilancio 2018 (Legge 27 dicembre 2017, n. 205), ovvero il provvedimento legislativo del Governo italiano con cui viene approvato il bilancio dello Stato, che indica le entrate e le uscite previste per il prossimo triennio, ha finanziato, a partire da quest’anno, le seguenti agevolazioni per favorire l’inserimento lavorativo di alcune categorie di lavoratori.

Prevede la decontribuzione totale per le imprese che assumono disoccupati in alcune aree del Meridione italiano (Abruzzo, Molise, Sardegna, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia);

Sgravio dei contributi previdenziali per i datori di lavoro che assumono i giovani under 35, pari al 50% nel caso di assunzioni con contratti a tutele crescenti (100% per l’assunzione di studenti che hanno svolto un periodo di alternanza scuola lavoro o apprendistato in azienda);

Esonero totale dalla contribuzione previdenziale per i datori di lavoro che assumono giovani fino a 29 anni di età, iscritti al programma Garanzia Giovani, con contratto a tempo indeterminato, anche in somministrazione, o di apprendistato professionalizzante.

Azioni destinate a soggetti in possesso contestualmente di tutti i seguenti requisiti: Ex percettori di ammortizzatori sociali dal 1/01/2014 e sino alla data di adesione alle azioni di cui alla presente nota operativa, ora privi di sostegno al reddito. Residenti o domiciliati in Regione Campania. Iscritti ai competenti Centri per l’impiego, non beneficiari di altre misure di politica attiva alla data di adesione all’Avviso e che non abbiano beneficiato di analoghe misure su altri programmi, ad eccezione dei destinatari beneficiari dell’azione di formazione per la riqualificazione prevista dal programma de quo e di cui alle D.G.R. N. 420/17 E 253/17. (vai alla nostra sezione Fila- clicca qui)